Spawn

Letto 909 volte

Se dovessi fare una classifica dei peggiori cinecomics che abbia mai visto, credo che ai primi posti assieme a illustri colleghi quali “Daredevil” e “Catwoman” metterei certamente questo Spawn diretto da Mark A.Z. Dippé..

Non è per cattiveria, non è per snobbismo, ma questo lavoro cari wooders è il classico “da dimenticare”. I difetti (leggi “le nefandezze”) della pellicola sono talmente eccessivi da renderla inguardabile agli occhi di chiunque abbia un minimo di buongusto e oggetto di culto per chi come me si definisce talvolta un “cinefilo masochista”: Spawn è talmente brutto che ogni tanto me lo riguarderei più volentieri di altre pellicole ampollose.

Ma partiamo con la trama: Cinque anni dopo essere stato assassinato dai colleghi corrotti del servizio segreto governativo, Al Simmons fa un patto col diavolo per tornare sulla Terra, vendicare il suo assassinio e rivedere Wanda, grande amore della sua vita. Spinto dalla collera, Simmons risorge nelle vesti di Spawn, cavaliere delle tenebre dal volto sfigurato. Troppo tardi, Spawn si rende conto che il patto è ingannevole, e vorrebbe rinunciare al ruolo assegnatogli di distruttore del genere umano. La sua presa di posizione incorre però nelle ire dell’inferno e a Spawn viene opposto Violator, demonio indistruttibile che arriva sulla Terra con un corpo di vagabondo dall’andatura incerta di nome Clown…

Cosa non va della pellicola? L’idea di fondo che immagino essere bene o male la stessa del fumetto, non è male: mi sono sempre piaciuti i supereroi un po’ dark con storie non troppo leggere alle spalle. Tuttavia l’idea è veicolata da una sceneggiatura banale, scontatissima e direi pure irritante in alcuni tratti. Il personaggio peggio scritto a riguardo è il demone Malebolgia, un pagliaccio demoniaco che nelle intenzioni dovrebbe dare quel senso di maligno tramite l’esasperazione di vizi e di gesta schifose ma che a conti fatti infastidisce solamente.

I restanti personaggi (protagonisti compreso) sembrano venuti fuori da uno scary movie anche solo per la loro fisicità e i costumi: Martin Sheen nel ruolo del super cattivo Jason Wynn sembra avere una parrucca in testa, la sua temibile assistente è una sorta di agente segreto supersexy costantemente in tenuta sadomaso (perché poi?), Cagliostro è esattamente abbigliato come Hugh Jackman in “Van Helsing” e via di questo passo…

Incredibilmente brutti per non dire estremamente kitsch dalla bruttezza gli effetti “speciali”. Avete presente la serie televisiva “Streghe”? Ecco, credo che a livello di immagine siamo su livelli decisamente inferiori a quella serie, non c’è un solo particolare digitale che convinca. A riguardo il super cattivo della situazione è un vero e proprio monumento alla incompetenza nel campo dell’animazione in computer grafica; per gli amanti dell’orrido meriterò certamente da solo la visione della pellicola.

L’unica cosa che posso sperare ora è di dimenticare al più presto il film, anche se il suo incredibile livello trash resterà certamente impresso nella mia memoria per lungo tempo…

SPAWN
Mark A.Z. Dippé , USA 1997, 96′
VOTO (Max 5)
[Z-E-R-O]
VOTO TRASH (involontario)
trashtrashtrash

About ilpina

ilpina
Creatore, curatore, amministratore, webmaster e in sostanza dittatore supremo e monarca assoluto di The Ed Wooder. Amo darmi alla latitanza quando il tempo me lo permette.