Parto Col Folle

Letto 1304 volte

parto_col_folle“Papà, sei stato come un padre per me”. Cosa c’è da aspettarsi da un personaggio che recita questa frase? Risate assicurate! Parliamo di Zach Galifianakis, la nuova scoperta in fatto di comicità che ha “debuttato” (per così dire) con Una Notte da Leoni.

Già in quella pellicola il trio formato da Bradley Cooper – Zach Galifianakis – Ed Helms era tutt’altro che serio, in questo film l’accoppiata Robert e Zach non poteva essere altro che vincente.

In Parto col Folle troviamo l’architetto Peter Highman (Robert Downey Jr. – Iron Man; Sherlock Holmes) intento a prendere un aereo per tornare a Los Angeles dalla moglie incinta dopo essere stato dall’altra parte degli States per lavoro.
Nel mentre in cui si appresta ad entrare in aeroporto si imbatte in Ethan Tremblay (Zach Galifianakis – Una Notte da Leoni; A Cena Con un Cretino), e da lì iniziano le disavventure del nostro bell’attore.
Causa qualche disappunto che si crea visibilmente tra i due passeggeri che si ritrovano sullo stesso aereo, vengono scambiati per dei terroristi, o meglio Peter con il suo “congegno”/Blackberry viene arrestato. Dopo i chiarimenti del caso si ritrova libero ma iscritto ad una lista no-fly, impossibilitato a prendere un qualsiasi aereo per tornare dalla sua famiglia, e per complicare ancora di più la situazione tutti i suoi bagagli ed averi sono rimasti sull’aereo (già partito).
È qui che si imbatte nuovamente in Ethan, sbarcato a forza anche lui dall’aereo ma in possesso di una macchina noleggiata che gli sarà utile per attraversare da est ad ovest gli Stati Uniti d’America.
Inutile dire che anche Peter si servirà di questo mezzo e della forzata compagnia di colui che l’ha messo nei guai, pur di arrivare in tempo a casa per la nascita del suo bambino.

I due compagni di viaggio da questo momento in poi avranno modo di conoscersi meglio (come propone Ethan!!) oltre che ad essere protagonisti di moltissime brutte e spassosissime situazioni, e non tutte legali per giunta!!

Già dalle prime immagini il film si rivela essere ciò che ci si aspettava leggendo il titolo: folle!
Folle è il personaggio che interpreta Zach Galifianakis, un aspirante attore un po’ femminuccia (basta vedere come ancheggia camminando) il quale si serve di “erba” medicinale per curare il suo glaucoma. Ad accompagnarlo c’è il fedele cane Sonny e le ceneri del defunto padre contenute in un barattolo del caffè, che, come fa notare Peter, “non è più sottovuoto”!

Ma folle, un poco bastardo, è anche il personaggio di Robert Downey Jr., il quale non ci pensa due volte a piantare in asso Ethan, rubargli la macchina e continuare il viaggio da solo, salvo poi accorgersi di essersi dimenticato di lasciargli giù il barattolo delle ceneri/caffè e quindi, pieno di sensi di colpa, torna a riprendersi il suo compagno.

Tra tutte le disavventure alle quali i due vanno incontro, arriva anche Jim (Jamie Foxx – Giustizia Privata; Il Solista), “presunto” miglior amico di Peter pronto a trarlo in salvo dal folle viaggio che ha intrapreso e pronto a dargli ogni mezzo affinché questo torni dalla moglie Heidi (Michelle Monaghan – Somewhere; Un Amore di Testimone).

Non rivelo altri dettagli delle situazioni imbarazzanti e non alle quali si è testimoni vedendo questo film.
L’ambientazione di questa pellicola è varia: dopotutto si attraversano gli States da un capo all’altro.
Ma la scena più memorabile, se non quella più normale, la troviamo quando i due protagonisti si ritrovano sul Grand Canyon. Una vista da mozzare il fiato (anche se senza dubbio è stata tutta montata ad hoc).
Diciamo che per la prima parte di una annunciata trilogia c’è molto materiale sul quale ridere; non osiamo immaginare gli altri due capitoli come potrebbero essere.

Il finale potrebbe essere inatteso, ma pensandoci bene poi si scopre che durante tutto film si hanno piccoli ragguagli su come si risolverà il tutto.
Inutile dire che, anche se ci si imbatte in una persona che a prima vista potremmo dire e pensare di lei tutte le cose brutte di questo mondo, poi non è detto che questa persona non possa essere nostra amica.
Un film che oltre a farti passare un’abbondante ora e mezza ricca di risate, ti fa capire che amico non è chi ti dice di essere amico, ma è colui che nel bene e nel male “torna sempre indietro a salvarti”.

PARTO COL FOLLE
Due Date
Todd Phillips, USA, 2010, 100′
VOTO (Max 5)
8

About Elisa

Elisa