Mr.Deeds

Letto 1091 volte

mr_deedsLa classica commedia leggera made in USA la cui “forza” risiede esclusivamente in una sceneggiatura divertente e in personaggi ed interpretazioni senza ingiuria né lode.

Trama (mymovies): “Remake di un classico di Frank Capra, E’ arrivata la felicità (1936) : è la storia di un ragazzo di provincia, dalla vita semplicissima che diventa inaspettatamente erede di un’immensa fortuna e si trova all’improvviso catapultato nell’alta società di New York. Naturale che qualcuno trami per impossessarsi del malloppo, mettendogli alle costole anche la tradizionale tentatrice”.

Divertente nella misura in cui può esserlo una commedia americana dello scorso decennio. Anni luce da Wylder e molto contaminato con la comicità a tratti surreale (leggasi demenziale) tipica di questo genere di lavori.

La forza del film è certamente la sceneggiatura divertente con trovate e scene per le quali è difficile non ridere, o per personaggi che solo a guardarli dicono tutto. Penso soprattutto a John Turturro versione maggiordomo spagnolo feticista dei piedi o alla piccola parte di Steve Buscemi che interpreta “occhi storti” (fa ridere solo a guardarlo). Oltre alla presenza di questi attori (che a parer mio sono due grandi), sottolineo anche la bellissima Winona Ryder nel un ruolo “senza ingiuria né lode” di una giornalista. Idem per il protagonista Adam Sandler, bravo ma niente più (a differenza di altri suoi colleghi comici che tengono da soli il film in piedi).
Non mi soffermo sul “messaggio” buonista e populista della pellicola perché comunque in questo contesto ci sta. Tutto sommato più che un “buon film” è un film estremamente godibile per passare un’ora e mezza in allegria nei confini anche stavolta ben definiti del suo genere. Come al solito ora sono curioso di vedere l’originale.

MR.DEEDS
Steven Brill, USA 2002, 96′
VOTO (max 5)

 

About ilpina

ilpina
Creatore, curatore, amministratore, webmaster e in sostanza dittatore supremo e monarca assoluto di The Ed Wooder. Amo darmi alla latitanza quando il tempo me lo permette.