Devil (The Night Chronicles: Devil)

Letto 1287 volte

devilCinque poveri negretti
un giudizio han da sbrigar:
un lo ferma il tribunale
quattro soli ne restar.
Quattro poveri negretti

(Da: Dieci piccoli indiani, Agatha Christie 1939)

Tutto inizia con un suicidio, poi il diavolo raggruppa alcune anime per tormentarle prima di portarsele via…

Non sono un grande fan di Shyamalan (6°senso a parte), so che il film non è suo ma il soggetto originale sì..Anche per questo ero un po’ scettico prima di andarlo a vedere, ma il trailer e l’idea di un thriller ambientato in un ascensore mi hanno incuriosito.

Come avrete intuito dalla sobria strofa all’inizio, secondo me si tratta di un’ altra rivisitazione di “Dieci piccoli indiani”? Sì, la trama è proprio quella del giallo a scatola chiusa: ci sono 5 persone in uno spazio senza vie di fuga e muoiono una dopo l’altra, quindi l’assassino è necessariamente uno di loro.

La differenza sostanziale sta nel fatto che la trama non viene risolta da un Deus Ex Machina. O meglio in un certo senso sì ma-identità del colpevole a parte-sappiamo già dal trailer che c’è lo zampino del diavolo, inoltre la voce narrante spiega sin dall’inizio come in linea di massima si svolgeranno i fatti.
E come si può rendere interessante una sceneggiatura che ha le premesse di risultare abbastanza scontata? Ovviamente mischiando tutte le carte in tavola in modo che anche i più perspicaci arrivino alla fine con i loro dubbi sull’ eventuale epilogo.

Altro cliché narrativo è quello di creare dei legami tra i cinque personaggi con l’aiuto del detective di turno che cercherà in una frenetica (a dire il vero nemmeno tanto) corsa contro il tempo di riordinare tutti i pezzi del puzzle..

E a proposito di cliché… IL DETECTIVE!! Ma in america esistono poliziotti senza traumi esistenziali che li segnano a vita? Personalmente mi ha dato quasi fastidio la caretterizzazione piatta del “solutore”, in particolar modo la conversazione iniziale che fa in una caffetteria (o-ri-gi-na-lissss-si-mo!!!), non per qualcosa ma cerca di renderla un po’ più avvincente! non dico che tutti debbano saper scrivere la spiegazione di Ezechiele 25-17 ma un po’ più di passione?… Quanto rimpiango l’ agente Cooper! lui sì che sapeva parlare davanti a un caffè! (Scusate… anche io ho i miei traumi infantili). Che dire poi della guardia di sicurezza latino-americana super cattolica, con annessa nonna che racconta storie/leggende (Paranormal Activity 2?).. Qui la questione non è essere originali per forza, ma rendere bene quello che si decide di usare se non è nuovo..qui ci sono un po’ troppe cose incollate malino e un po’ a caso,come il mancato sviluppo di alcune sottotrame.. dovrei fare almeno un esempio ma vorrei evitare spoiler se riesco..sarebbe stato meglio magari concentrarsi di più su questo e arricchire un po’ la storia.

Detto ciò una cosa che ho apprezzato molto sono state le riprese dentro all’ascensore. Non solo erano (come ovvio) molto ravvicinate, ma la scelta di far guardare l’attore nell’obiettivo secondo me è molto riuscita, come se a turno fossimo noi gli sfortunati a doversi confrontare con gli sguardi sospettosi dei “coinquilini” di quegli angusti pochi metri quadri. Un po’ drastica la scelta di girare completamente al buio le aggressioni anche se evidentemente è stata fatta per celare l’identità dell’assassino..i pochi flash “alla Shining” mancano di quella sensazione di angoscia che secondo me avrebbero dovuto trasmettere.
Bella, davvero bella la sequenza iniziale “al contrario” anche se un po’ fine a se stessa, e la musica sempre dei titoli di testa con quei contrabbassi e ottoni inquietanti!

Il mio giudizio finale è che nonostante sia abbastanza scontato, il film si lascia guardare anche se indubbiamente lascia un po’ l’amaro in bocca.. come dire.. ritenta e sarai più fortunato.
Presumo che a seconda degli incassi (odio fare discorsi di soldi ma qui mi sembra abbastanza evidente) il secondo capitolo ci farà capire effettivamente se gli ideatori prenderanno quanto di buono fatto fin qui per ottenere qualcosa di meglio, oppure farà la fine di “Paranormal Activity 2” e sarà un’altra brutta copia di un’ idea che prometteva bene ma non ha fatto i compiti a casa.

DEVIL (The Night Chronicles: Devil)
Drew & John Erick Dowdle, USA 2010,80′
VOTO (Max 5)
6 – con riserva

About Gianluca

Gianluca
"Io posso farti avere quello che vuoi..posso farlo posso procurarti qualunque cosa non devi fare altro che parlare con me, fidati di me fidati perché io sono il tuo confessore..sono sono il tuo strizzacervelli, io sono il tuo collegamento diretto alla..centralina delle anime.Io sono l'uomo magico.. il Babbo Natale del subconscio. Lo dici, lo pensi, puoi averlo"