As You Like It – Come Vi Piace

Letto 1399 volte

as_you_like_itTutto il mondo è un palcoscenico, e tutti gli uomini e le donne non sono che attori, con le loro uscite e le loro entrate. Il più famoso e citato soliloquio di William Shakespeare viene integrato qui, in As You Like It, ennesima trasposizione cinematografica di uno dei tanti capolavori del poeta britannico.

Parliamo dell’omonima commedia pastorale scritta nella seconda metà del XVI secolo, e che è una tra le più amate dal pubblico.

Siamo nel Giappone del XIX secolo. Federigo usurpa il ducato francese del legittimo regnante, suo fratello, il quale si rifugia assieme ai suoi fidati nella foresta di Arden.
A sua figlia, Rosalinda (Bryce Dallas Howard – The Village, Lady In The Water), è permesso rimanere a corte poiché è la sola compagnia nonché cugina di Celia (Romola Garai – Espiazione, La Fiera Delle Vanità, Emma miniserie BBC), figlia di Federigo.
A causa di una disputa (e credo anche solo per il fatto di essere la figlia del nemico/fratello), il duca illegittimo bandisce Rosalinda da corte, e con lei si aggregano la cugina Celia e il buffone di corte Pietraccia (Alfred Molina – Lapprenista Stregone, Il Codice daVinci), quest’ultimo controvoglia. I tre si avventurano nell’idilliaca foresta di Arden sotto falso nome: Rosalinda infatti si travestirà da ragazzo e prenderà il nome di Gaminede, mentre Celia quello di Aliena.

Nella storia troviamo anche Orlando De Boys (David Oyelowo – L’Ultimo Re Di Scozia), innamoratosi di Rosalinda a prima vista durante un duello di sumo alla corte di Federigo. Anch’esso fugge nel bosco, insieme ad Adamo (vecchio e fedele servitore della famiglia), per scampare all’odio che gli riserva il fratello maggiore Oliviero.

Dopo varie peripezie, i tre gruppi si incontrano, ma non riconoscendosi gli uni con gli altri, al di fuori di Rosalinda/Gaminede che trova in Orlando il suo amato. Complice il fatto di essere travestita da ragazzo, ha così l’occasione di testare quanto sia grande l’amore di Orlando nei suoi confronti.

Il film, diretto da Kenneth Branagh (I Love Radio Rock, Operazione Valchiria), fa sentire lo spettatore come se fosse a teatro. Sono molti i dialoghi infatti che rimangono fedeli ai versi.
Primo tra tutti il famoso soliloquio interpretato dal sempre scontento Jacques (Kevin Kline – Wild Wild West, La Strada Per Eldorado), facente parte della corte del duca esiliato, il quale elenca malinconicamente le sette parti che un uomo, secondo lui e secondo Shakespeare, interpreta durante tutta la sua vita.

Se all’inizio il film sembra apparire agli occhi di chi lo guarda come un genere drammatico e lento, andando avanti esso cattura l’attenzione grazie alla comicità del matto Pietraccia e degli equivoci che si creano tra Rosalinda/Gaminede ed Orlando, e, perché no, anche da Jacques che non manca mai di crearsi qualche complesso.

I costumi dai colori sgargianti sono caratteristici del territorio nel quale si volge la storia, il Giappone appunto, poiché per quanto riguarda le location con c’è nessun particolare che ci fa capire che ci troviamo in questa parte del mondo (tranne gli interni delle case che scorgiamo all’inizio del film) dal momento che le scene si svolgono per lo più nella foresta, scene che sono state girate nei territori fuori Londra.

Come scrisse Shakespeare, tutto il mondo è palcoscenico, e i protagonisti di questa pellicola interpretano bene la loro parte, primo fra tutti Kevin Kline.
Per gli amanti delle commedie ispirate a testi teatrali, questo è un ottimo film da vedere. Non manca di humor.

AS YOU LIKE IT – COME VI PIACE
As You Like It
Kenneth Branagh, USA – GB, 2006, 127′
VOTO (Max 5)
7

About Elisa

Elisa