Alien: Covenant

Letto 611 volte

WOODERS ADVISORY: Qualche spoiler addicted, but not troppi…
Partiamo dal presupposto che non ho detestato Prometheus, anzi.. Quindi stasera avevo buone speranze senza volare troppo in alto..

Il film inizia con una finestra sul passato di David, molto importante ai fini della trama visto che su Fassbender girerà a questo punto credo tutta la nuova saga di pre-Alien.
Ora: come ricollegarsi a Prometheus e trovare delle scuse plausibili per far fecondare degli ignari umani anche sto giro.
La risposta arriva dal più grande elemento classico: DEUS EX MACHINA. Un incidente!
Ma per Dio! Ma non era meglio pagare due lire in più gli sceneggiatori? Cazzo con 30 mila lire il mio falegname la scriveva meglio, tanto per far morire gente a caso c’è sempre tempo..

Comunque andiamo avanti…

Dopo una prima parte abbastanza soporifera, la trama necessita di uno scossone, quindi preme su scorrimento veloce e comincia a far morire gente a caso, senza pathos… Così reincrotriamo FassDavid che dopo una chiacchierata con FassWalter ci fa capire di sentire la sveglia biologica manco fosse una gattara di 40 anni.. L’androide col complesso del Dio francamente regge poco, almeno per come l’hanno messa giù. Qui però la parte migliore del film con Fassbender che si srotola tra FassDavid e FassWalter, due volti completamente diversi per un’interpretazione davvero alta.

Ciononostante non basta l’androide che si taglia i capelli a sopperire ad uno script che non ha molti buchi a dire il vero, ma che non è sviluppato come dovrebbe essere… Tutto è lasciato parecchio all’immaginazione ed è piena di “colpi di scena” più prevedibili del Milan che perde in casa con l’Empoli. Ho più suspance quando aprendo la porta di casa devo scoprire se Coraline mi ha lasciato o no un ricordino sul divano. Ovviamente ora che l’ho impermealizzato non lo fa più.. troppo facile da pulire..

Lo scopo del film sembra fare da ponte per altri preannunciati due capitoli (che scommetto che sarà un film solo diviso in due che va tanto di moda) cercando fare l’occhiolino al primo capitolo della saga.

I parallelismi sono evidenti:

Alien (1979)

Alien:Covenant (2017)

Missione commerciale (sulla carta) non militare Missione di colonizzazione (quindi non militare)
L’androide favorisce l’incubazione L’androide forza l’incubazione
L’androide sacrifica l’equipaggio L’androide sacrifica l’equipaggio
All’improvviso un alieno in astronave Alieno “inaspettatamente” in astronave
Alieno ammazza tutti tranne una (e il gatto) Alieno ammazza tutti tranne due e l’androide
Alieno sparato nello spazio Alieno sparato nello spazio
Final Girl Final Girl

Il problema più grave però è proprio la prevedibilità, soprattutto nella seconda parte del film che cerca pietosamente di omaggiare il capostipite del 1979 finendo miseramente ad una mera parodia che a mente fredda fa quasi tenerezza se non si considerano i milioni di dollari di budget a disposizione.

La paura ora, anche considerando il finale (scontatissimo), è che il prossimo film cercherà di riprendere alienS finendo per sprofondare in una pantomima degna delle parruccate apocalittiche che speravo avessero smesso di partorire a Holliwood… O versipelle il prossimo capitolo ricollegherà come Dio comanda tutti i tasselli, ma le premesse per ora non sono buone… i sa che la madre di Michael Bay è sempre incinta.


ALIEN:COVENANT
Ridley Scott, USA 2017, 122′
VOTO (Max 5)
3
VOTO OROLOGIO BIOLOGICO


Per chi non l’avesse capito Coraline è la mia gatta…

About Gianluca

Gianluca
"Io posso farti avere quello che vuoi..posso farlo posso procurarti qualunque cosa non devi fare altro che parlare con me, fidati di me fidati perché io sono il tuo confessore..sono sono il tuo strizzacervelli, io sono il tuo collegamento diretto alla..centralina delle anime.Io sono l'uomo magico.. il Babbo Natale del subconscio. Lo dici, lo pensi, puoi averlo"